ABILITATO

CONSIP - MEPA MERCATO DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Avviso C.S.E. 2022 - Comuni per la Sostenibilità e l’Efficienza energetica


Avviso C.S.E. 2022 - Comuni per la Sostenibilità e l’Efficienza energetica - Avviso relativo alla concessione di contributi a fondo perduto per la realizzazione di interventi di efficienza energetica anche tramite interventi per la produzione di energia rinnovabile negli edifici delle Amministrazioni comunali, attraverso l’acquisto e l’approvvigionamento dei relativi beni e servizi con le procedure telematiche del Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA). Finanziato dalla Commissione Europea PON Impresa e Competitività 2014 – 2020 Asse VI - REACT EU. https://tinyurl.com/yfwcz3fk


DIAGNOSI ENERGETICA EDIFICI E BILL AUDIT
AGEVOLAZIONI FISCALI ANNO 2024


L’Energy Bill Audit consiste in una perizia delle ultime dodici fatture di energia elettrica e/o gas, volta ad un’analisi approfondita della spesa complessiva sostenuta dal cliente rispetto a quanto pattuito nel contratto, al fine di verificare nel dettaglio la correttezza dei corrispettivi pagati per ogni singola componente, nonché ad acquisire la consapevolezza del proprio modello di consumo e pianificare, laddove necessario, soluzioni di miglioramento.


AGEVOLAZIONI FISCALI ANNO 2024

Detrazioni Fiscali 2024 per la ristrutturazione e la riqualificazione energetica, bonus 50% e 65%
Ristrutturare casa, le detrazioni fiscali per il 2024: tutto quello che devi sapere
La legge di bilancio 2024 proroga gli incentivi per la casa a tutto il 2024 senza modifiche sostanziali. Detrazione fiscale 50% sulle ristrutturazioni edilizie e sul risparmio energetico, 50% bonus mobili e grandi elettrodomestici, 65% Ecobonus lavori di miglioramento dell’efficienza energetica e bonus verde. Quali sono le pratiche, gli interventi e i lavori a cui spettano le agevolazioni? Qual è l'importo massimo detraibile e quando applicare l'iva al 10%.

Ecco quali sono le opportunità di cui approfittare per risparmiare sui tuoi acquisti:

Bonus ristrutturazioni edilizie 2024 detrazione IRPEF 50%
La detrazione fiscale per le ristrutturazioni, viene concessa nella misura del 50% in caso di ristrutturazione, restauro, manutenzione straordinaria, abbattimento delle barriere architettoniche e manutenzione ordinaria. Limite massimo di spesa pari a 96.000,00 euro per unità immobiliare fino al 31 dicembre 2024. scopri di più

ATTENZIONE: gli interventi di manutenzione ordinaria sono detraibili solo quando le opere riguardano parti comuni (condominiali). La detrazione spetta a ogni condomino in base alla quota millesimale.

Ecobonus riqualificazione energetica 2024 detrazione IRPEF fino al 65%
La legge di bilancio ha prorogato fino al 31 dicembre 2024 anche l’ecobonus, con detrazioni IRPEF fono al 65%, limite massimo di spesa va da 30.000,00 a 100.000,00 euro, in base alla tipologia di intervento, per unità immobiliare fino al 31 dicembre 2024.

Detrazione IRPEF al 65% per una serie di lavori quali: installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda; sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore; sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione almeno in classe A con sistemi di termoregolazione evoluti; sostituzione di impianti esistenti con micro-cogeneratori; l’acquisto e l’installazione di dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti. scopri di più

ATTENZIONE: per usufruire delle detrazioni occorre l'asseverazione da parte di professionisti abilitati attraverso l’attestazione della prestazione energetica degli edifici. Necessaria la legge 10.

Detrazione IRPEF al 50% per le spese relative a: sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a biomassa e caldaie a condensazione in classe A; acquisto e la posa in opera di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili; acquisto e posa in opera di finestre comprensive di infissi; acquisto e posa in opera di schermature solari. scopri di più

Importante: le detrazioni non valgono in caso di nuove costruzioni, ampliamenti o demolizioni e ricostruzioni.

Bonus climatizzatori 2024 detrazione IRPEF 50% e 65%
Il BONUS CLIMATIZZATORI è un’agevolazione che spetta ai contribuenti sia in presenza di una ristrutturazione edilizia che senza ristrutturazione. Come funziona? Dipende dal tipo di intervento e dal tipo di impianto, in quanto da ciò dipende se rientra nel bonus casa (ristrutturazione), nel ecobonus (efficientamento energetico) o bonus mobili ed elettrodomestici. Limite massimo di spesa in caso di bonus casa pari a 96.000,00 euro per unità immobiliare fino al 31 dicembre 2024. scopri di più

NUOVA INSTALLAZIONE: In caso di nuova installazione anche senza titolo abilitativo (opere di Ediliza Libera) è possibile installare un nuovo climatizzatore monosplit o multisplit in pompa di calore aria-aria con potenza fino ai 12 kW

SOSTITUZIONE: in caso di sostituzione di un vecchio impianto di climatizzazione invernale con uno nuovo in pompa di calore aria/aria e ad alta efficienza energetica. Ecobonus detrazione del 65% per un massimo di spesa di euro 46.154,00 euro

ATTENZIONE: è necessario inviare la comunicazione all’ENEA

Bonus Caldaia 2024 detrazione IRPEF 50% e 65%
La legge di Bilancio 2024 prevede un BONUS CALDAIA (Ecobonus) con spese detraibili fino al 65%. Il bonus caldaia 2024 è rivolto ai contribuenti che abbiano intenzione di sostituire l'impianto di climatizzazione invernale. scopri di più

ATTENZIONE: è necessario inviare la comunicazione all’ENEA

Bonus mobili e grandi elettrodomestici 2024 detrazione IRPEF 50%
Prorogato anche il BONUS MOBILI, la detrazione fiscale al 50% è prevista per l’acquisto di elettrodomestici di classe non inferiore alla A+ (A per i forni) e mobili nuovi per arredare l’immobile oggetto di lavori di ristrutturazione. Limite massimo di spesa pari a 5.000,00 euro per unità immobiliare fino al 31 dicembre 2024. scopri di più

ATTENZIONE: è necessario inviare una comunicazione all’ENEA

Bonus verde 2024 detrazione IRPEF 36%
La legge di bilancio prevede la proroga a tutto il 2024 anche del bonus verde, l’agevolazione è fruibile senza che sia collegata a una ristrutturazione edilizia e senza alcun titolo abilitativo. L’agevolazione IRPEF al 36% sulle spese sostenute per interventi di sistemazione a verde di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione, realizzazione pozzi, di realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili. Limite massimo di spesa pari a 5.000,00 euro per unità immobiliare fino al 31 dicembre 2024.

Informazioni generali per usufruire delle detrazioni fiscali 2024
PAGAMENTI SOLO MEDIANTE BONIFICO BANCARIO PARLANTE
Per fruire della detrazione è necessario che i pagamenti siano effettuati con bonifico bancario parlante da cui risultino:

la causale del versamento (numero ordine oppure richiedere fattura anticipata in fase di ordine)
il codice fiscale del beneficiario della detrazione
il numero di partita Iva o il codice fiscale del soggetto a favore del quale è effettuato il bonifico (TAVOLLA Srl - p.IVA 03709140135).
ATTENZIONE:

In caso di errori (utilizzo carta di credito, PAYPAL o pagamento con bonifico ordinario) sarà possibile rieffettuare "dichiarazione sostitutiva di atto notorio"
In caso di errato bonifico bancario per diversa detrazione fiscale o richiesta di rimborso, sarà trattenuto l'importo della ritenuta d'acconto pari al 8% del totale.
CHI PUÒ USUFRUIRE DELLE DETRAZIONI FISCALI?
Possono usufruire della detrazione tutti i contribuenti assoggettati all'imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF), residenti o meno nel territorio dello Stato. Quindi, se hai un lavoro e risiedi in Italia, potrai accedere al bonus. L’agevolazione spetta non soltanto ai proprietari degli immobili ma anche ai titolari di diritti reali/personali di godimento sugli immobili oggetto degli interventi e che ne sostengono le relative spese:

proprietari o nudi proprietari;
titolari di un diritto reale di godimento (usufrutto, uso, abitazione o superficie);
locatari (affittuari) o comodatari;
soci di cooperative divise e indivise;
imprenditori individuali, per gli immobili non rientranti fra i beni strumentali (investimenti che l'azienda utilizza per il suo funzionamento) o merce;
soggetti indicati nell'articolo 5 del Tuir, che producono redditi in forma associata (società semplici, in nome collettivo, in accomandita semplice e soggetti a questi equiparati, imprese familiari), alle stesse condizioni previste per gli imprenditori individuali.

DE1png


RELAZIONE TECNICA ASSEVERATA

BANDO EFFICIENZA ENERGETICA CONTRIBUTI PER FAVORIRE L’EFFICIENZA ENERGETICA DELLE MICRO E PICCOLE IMPRESE REGIONE LOMBARDIA
https://tinyurl.com/mpjp43xx













Il Certificato Idoneità Statica (CIS) diventa obbligatorio a Milano!

Rilascio del Certificato CIS entro il termine imposto dal Comune di Milano 

PROROGA AL 29-Giugno-2022 TERMINE CONSEGNA CIS CERTIFICATO IDONEITA' STATICA EDIFICI MILANO

Con l'entrata in vigore del nuovo Regolamento edilizio del Comune di Milano, tutti gli edifici con almeno 50 anni devono essere sottoposti a verifica dell'idoneità statica per verificarne lo stato e ottenere il relativo Certificato di Idoneità Statica (CIS) da parte di un tecnico abilitato. In sintesi, quindi, l'edificio deve essere certificato.

Sono oltre 26mila gli edifici da sottoporre nei prossimi anni a verifiche di idoneità statica per ottenere il relativo certificato di idoneità statica!

Ecco la roadmap delle tipologie di edifici da verificare prevista dal regolamento edilizio:

  • entro 5 anni: tutti i fabbricati ultimati da più di 50 anni o che raggiungeranno i 50 anni in questo periodo, non in possesso di certificato di collaudo.
  • entro 10 anni: tutti i fabbricati esistenti con data di collaudo statico superiore a 50 anni o che raggiungeranno i 50 anni in questo periodo.
  • tutti gli edifici interessati, per almeno la metà della loro superficie da cambio di destinazione d’uso, da interventi di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione se non sussistono gli estremi di legge per un nuovo collaudo statico.
  • Entro il 27 novembre dovranno presentare il certificato tutti gli edifici completati prima del 1929. Entro il 27 novembre 2020 tocca agli edifici completati prima del 1940. Entro il 27 novembre 2021 tutti gli edifici completati prima del 1951. Entro il 27 novembre 2022 tutti gli edifici completati prima del 1962. Entro il 27 novembre 2023 tutti gli edifici completati prima del 1970

LINK- Ordine Ingegneri Milano - Linee Guida CIS  

APE Attestato Prestazione Energetica

APE Attesto Di Prestazione Energetica (CENED)

Un Attestato di Prestazione Energetica redatto correttamente riporta le seguenti informazioni:

  • la prestazione energetica globale sia in termini di energia primaria totale che di energia primaria non rinnovabile, attraverso i rispettivi indici
  • la classe energetica determinata attraverso l’indice di prestazione energetica globale, espresso in energia primaria non rinnovabile
  • la qualità energetica del fabbricato (indici di prestazione termica utile per la climatizzazione invernale ed area solare equivalente e trasmittanza termica periodica)
  • i valori di riferimento, quali i requisiti minimi di efficienza energetica
  • le emissioni di anidride carbonica
  • gli indici di prestazione energetica rinnovabile e non rinnovabile e l’energia elettrica esportata
  • la quantità annua di energia consumata per vettore energetico
  • l’elenco dei servizi energetici con le relative efficienze
  • le raccomandazioni per il miglioramento dell’efficienza energetica con le proposte degli interventi più significativi ed economicamente convenienti

CISMIOpng

Il Comune di Milano ha da tempo reso obbligatoria la redazione del CIS nel proprio Regolamento Edilizio

  1. CISOTTIMO1png



Sarete contattati entro 24 ore